venerdì 29 giugno 2012

Le frittelle di baccalà con l'anima

Eccomi alla fine di questa staffetta per l'Emilia che ci ha visto così  appassionate e coinvolte.
Dopo le preparazioni di Teresa, Daniela, Tinuccia, Caris, Sara, Sonia e Assunta vi propongo un'altra ricetta tipica emiliana. Un piatto " vecchio".
Le frittelle di baccalà con l'anima.
Un tempo si facevano in qualche osteria, e le vendevano alla mattina per fare colazione insieme a un bicchiere di vino. Una frittella di baccalà con un bicchiere di vino era la colazione ideale di allora. Oppure, si mangiava alla sera a cena in famiglia, quand al gh'era perchè allora costava poco. (da "storia di terre e di rezdore")
Il baccalà è molto amato in casa mia, cucinato in tutto i modi. Ma fatto a frittelle è invito a nozze per tutti. Però da me si è soliti sbriciolarlo nella pastella e poi friggerlo. Queste hanno, invece, un procedimento diverso.
Già il nome è accattivante, non trovate?
"Frittelle di baccalà con l'anima" . «Con l'anima perchè dentro si vedono  i pezzi di baccalà quando mangi»


L'anima, infatti,  è costituita dal pezzo di baccalà intero, precedentemente infarinato e fritto. 
Avvolto poi in una pastella  e fritto nuovamente in olio profondo.


Frittelle di baccalà con l'anima

tempo di riposo
24 ore per dissalare il baccalà
15-20 minuti per fare lievitare la pastella


tempo di cottura
7-8 minuti circa per la frittura in padella

ingredienti per 10-12 frittelle

½ filetto di baccalà
200 g di farina ‘00'
½ l di olio per la frittura
10 g di lievito di birra
1 bicchiere di acqua
un po' di pepe
1 uovo intero


preparazione

Se si usa il baccalà sotto sale, va preparato mettendolo a dissalare il giorno prima e lasciandolo a bagno per un giorno e una notte, avendo l'avvertenza di cambiare l'acqua continuamente per eliminare il sale.
Si prepara un impasto con farina, lievito e acqua tiepida, mescolando per 4-5 minuti energicamente gli ingredienti con una forchetta dentro una ciotola. L'impasto deve avere la consistenza di una colla. Quindi si unisce al composto l'uovo intero, amalgamandolo bene, si aggiunge il pepe e si mescola ancora. L'impasto deve lievitare per 15-20 minuti.
Nel frattempo si preparano i filetti disossati di baccalà, tagliati in pezzi grandi circa tre dita. Vanno infarinati e fatti rosolare per pochi minuti in una padella con un po' di olio, preparando cosí ‘l'anima' delle frittelle.
A questo punto tuffare i pezzi di baccalà rosolato, ancora tiepidi, nella colla lievitata preparata in precedenza e friggere per 4-5 minuti in olio bollente nella padella per i fritti. Devono raggiungere una bella doratura.
Queste frittelle si possono mangiare sia calde che fredde.
Per preparare queste frittelle si potrebbe anche non friggere prima il baccalà, ma a volte ci può rimanere qualche spina, quindi è meglio friggerlo prima di metterlo dentro alla pastella.



E questa è la proposta di Luciano Pignataro sul vino da abbinare a queste frittelle

 "A questa bella frittura non si può non rispondere che con un bianco fresco e di buona beva. Come l'Albana di Romagna Progetto 1 di Leone Conti, piccola e bella cantina di Faenza. Semplice, di buon impatto, ben si abbina con il baccalà fritto lasciando la bocca pulita e asciutta. Un bel bianco low cost."


 
Mi raccomando, non dimenticate di mandare una donazione per l'Emilia, vi ricordo le modalità con cui potete farlo:
Donare il 5 xmille utilizzando questo numero: C.F. e P.I. 02243470362
Usare il conto solidarietà IBAN IT90P0200812932000102111630
Donare subito, ANCHE UN SOLO EURO, attraverso PayPal:http://www.lalucciola.org/sostieni-la-lucciola.html


15 commenti:

  1. Queste frittelle sono veramente una delizia.Complimenti!!!!

    RispondiElimina
  2. ma quanto sei brava Pasqua! e poi mi morderei il monitor, con le tue foto!!!

    RispondiElimina
  3. Altra buonissima ricetta senz'altro da provare ! Pasqualina posso chiederti come prepari il sushi mediterraneo?

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Bellissima ricetta....ma le tue sono tutte belle ed interessanti!!!

    RispondiElimina
  7. Ciao, ti faccio i miei complimenti e mi unisco ai tuoi lettori perchè questa ricettina mi ha proprio convinta.Anche io il baccalà lo mangio in tutti i modi ma queste chicche non l'ho mai viste.Brava e buona domenica

    RispondiElimina
  8. Che invitanti queste frittelle!!!

    RispondiElimina
  9. davvero un'ottima ricetta per una buonissima causa!! complimenti come sempre!! un bacio

    RispondiElimina
  10. Grazie a tutti!!

    @ orietta il sushi mediterraneo lo preparo inserendo al centro del rotolino di riso del salmone affumicato oppure tonno sgocciolato e dei filetti di pomodoro e lego il riso con un pochino di maionese.

    RispondiElimina
  11. Grazie Pasqualina, mi "cimentero'" subito !

    RispondiElimina
  12. Le tue ricette sono tutte fantastiche, mia cara, ma questa mi emoziona proprio perché anche dalle mie parti (Salento) le frittelle (chiamate "pittule") con il baccalà sono un must :-)

    RispondiElimina
  13. cara pasqualina, ieri sera per cena ho preparato queste frittelle, davvero squisite, una fra le migliori pastelle lievitate, provate finora. ho apportato solo una piccola variante, ho usato metà farina 00, e metà farina di riso, per assicurare maggiore croccantezza, come rugiati insegna. la mia tempura, ormai da sempre è la sua, e vi assicuro, che è davvero fantastica, super croccante e asciutta. dimenticavo l'aggiunta di acqua o qualsiasi altra bevanda gassata,(birra, acqua tonica, ecc), rigorosamente fredda, e l'uso dell'olio di semi di arachidi.
    P.S. attendo ancora le tue risposte sulla torta di pasta di zucchero, e sui macarons. ciao e a presto anna.

    RispondiElimina
  14. ho dimenticato di dirti, che io non le ho fritte prima, ed erano ottime lo stesso. ciao anna.

    RispondiElimina

Condividi!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...