lunedì 30 aprile 2012

Vermicelli con colatura di alici e crema di scarola



Lo sappiamo benissimo tutti.
Per dimagrire bisogna evitare i dolci, limitare i grassi, evitare i fritti e strizzare solo lontamanente l'occhio ai carboidrati.
Io camperei di pasta e pane per cui sono condannata....
Non c'è cosa che mi manda più in estasi di un fumante piatto di pasta o di una rosetta (come quella di Teresa magari) appena sfornata, con un paio di fette sottilissime di mortadella....oh mamma!!!
Che poi tutti i miei ricordi più belli di bambina sono legati ai rustici piuttosto che ai dolci.
Alla pizza di scarole di mia nonna Giuliana, fantastica, non ne ho mai mangiata di più buona!
Alla pasta militare con il pomodorino fresco che mia mamma mi preparava spesso al ritorno da scuola.
Al pane cotto con l'uovo....la sera in inverno.
Quindi potrete capire cosa ho provato quando ho visto sul web la foto di questo piatto di Ilario Vinciguerra ( ma quanto mi piace questo chef), un'altra sua preparazione (dopo l'oro di Napoli), con colatura di alici e crema di scarole.
Un connubio accattivante, due sapori che senz'altro si sposano bene, la scarola con l'alicetta è fantastica....
Questa è la mia versione, mi è piaciuta molto!

Vermicelli con colatura di alici e crema di scarola
da un'idea di Ilario Vinciguerra

ingredienti
400 gr di vermicelli
8 cucchiai di olio extravergine di oliva
4 cucchiai di colatura di alici di Cetara
uno spicchio di aglio
prezzemolo q.b.

500gr di scarole
3 o 4 filetti di acciuga sott'olio
olio extravergine di oliva
olive di gaeta q.b.
capperi dissalati
aglio
pinoli tostati

pomodorini confit q.b

Per la crema di scarole
In una padella versare l'olio, le acciughe e l'aglio, far insaporire. Eliminare l'aglio e aggiungere la scarola, far cuocere a fuoco moderato per cinqui minuti.
Frullarla e rimetterla in padella, aggiungere le olive, i capperi e i pinoli. Far insaporire un paio di minuti e spegnere. Tenere al caldo.

per i pomodorini confit
tagliare i pomodorini, metterli in una teglia coperta di carta forno. Irrorateli con poco olio, sale, origano e lamelle di aglio fresco.
Far appassire in forno a 130° per circa un'ora.

per la pasta
In una capiente ciotola versare la colatura, l'olio, l'aglio. Scolare la pasta al dente (mi raccomando di non salare l'acqua della pasta, la colatura è saporita a sufficienza da equilibrare la sapidità del piatto), versarla nella ciotola e amalgamare bene il tutto. Aggiungere il prezzemolo fresco tritato.


Mettere la salsa a specchio nel piatto, adagiarvi sopra un nido di pasta, guarnite con pomodorini confit e qualche pinolo tostato. Operazione da fare velocemente, questo piatto va gustato caldo.

Alla prossima!!

La colatura di alici è un liquido dal colore ambrato e dal sapore deciso tipico di Cetara, piccolo borgo marinaro della costiera amalfitana. E' erede del Garum, una salsa molto salata e forte che gli antichi Romani ottenevano facendo macerare strati di pesci con strati di erbe aromatiche e il tutto veniva ricoperto di sale. Lo consumavano poi come condimento di carni o verdure cotte. Nel Medioevo i monaci della Costiera Amalfitana recuperarono la ricetta che si diffuse poi progressivamente tra i cittadini della costa. Le alici che si usano per produrre la colatura sono tipicamente pescate nel periodo tra il 25 marzo (Festa dell'Annunciazione) e il 22 luglio (giorno di Santa Maria Maddalena). Le alici appena pescate vengono private della testa e delle interiora, poste in un contenitore e cosparse di sale marino per 24 ore. Dopodichè, vengono disposte in una piccola botte di legno di castagno o di rovere detta "terzigno" (cioè un terzo di botte) secondo la classica tecnica "testa-coda" alternandole con strati di sale. Il terzigno viene poi coperto con un disco di legno (detto "compagno") su cui vengono posti dei pesi. Nelle prime 48 ore si esercita una pressione maggiore, poi la pressione viene diminuita. Per effetto della pressatura e della maturazione del pesce, il liquido che sarà la base della colatura inizia ad affiorare in superficie e, a mano a mano che si forma, viene raccolto e inserito in recipienti di vetro ed esposto alla luce diretta del sole per far evaporare l'acqua e fare in modo che diventi più concentrato. Dopo quattro-cinque mesi (tra fine ottobre e inizio novembre), alla fine della maturazione, il liquido raccolto viene versato di nuovo nel terzigno dove le alici sono rimaste in maturazione e, colando lentamente attraverso gli strati di alici, ne raccoglie le eccezionali qualità organolettiche. Viene poi recuperato tramite un foro praticato nel terzigno e, infine, filtrato con teli di lino (i "cappucci"). A Cetara è un tipico condimento della pasta della Vigilia di Natale.

21 commenti:

  1. Che fotoooo!!!! Ma come si fa a rinunciare ad un piatto così. Brava

    RispondiElimina
  2. Superlativa l'idea..ma splendida la tua esucezione!! Perchè, perchè non trovo scarole come si deve??devo passare a Napoli per trovarle????
    P.S.: si asoettano resoconti...(faccetta che fischia!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si dai...vieni a Napoli che ti aspetto!!

      Elimina
  3. Mi tufferei volentieri , nel tuo piatto di vermicelli :-)
    Un caro saluto , chiara

    RispondiElimina
  4. Stupendissimo il piatto e bellissima la foto!!
    ...E brava Pasqualina!!! :D

    RispondiElimina
  5. Ciao Pasqualina, ho trovato il tuo blog grazie alle ricette del maestro Montersino che hai pubblicato, e da allora ti seguo sempre. Ho un premio per te: http://perunpugnodicapperi.blogspot.it/2012/04/blog-100-affidabile.html

    Ciaoooo
    Luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luca! Ti ringrazio infinitamente!
      Buona giornata!!

      Elimina
  6. Ho provato anche io l'abbinamento colatura d'alici/scarole in un'altra ricetta e mi piace tantissimo. Non posso sottrarmi dal provare anche questa versione.. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene!! Allora fammi sapere!
      Buona giornata!

      Elimina
  7. Ma come ti capisco: io vivo di carboidrati quindi le diete sono x me off limits!!!! E davanti ad un piatto di pasta così gustoso ed impiattato così bene... come si fa a resistere???
    Buon I° Maggio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Morena! Allora siamo sulla stessa barca....
      Un caro saluto!

      Elimina
  8. Ciao!
    Deve essere buonissima!
    Io sono proprio come te, una carboidrato-dipendente!
    Anche il mio blog purtroppo è abbastanza povero di dolci!
    Però mi hai messo una curiosità..
    Cosìè questo pane cotto con l'uovo?? Come si fa?
    Mi fa davvero pensare ad una ricetta antica e squisita!

    RispondiElimina
  9. Il tuo blog e' bellissimo! ti seguo con piacere! Se ti va passa a trovarmi.Buona serata.www.dolciarmonie.blogspot.it

    RispondiElimina
  10. Anche io non posso resistere ad un piatto di pasta piuttosto che ad un dolce...e la tua pasta dice "mangiami"!
    Complimnti per la ricetta e per la splendida foto che le rende onore!
    Se ti fa piacere, ti invito a partecipare alla mia raccolta "Componiamo il menù", a me faresti molto piacere!
    Ciao!

    RispondiElimina
  11. Veramente invitante. Bravissima!

    RispondiElimina
  12. ciao
    ti ho conosciuto per caso e appena sono arrivata sul tuo blog ho sentito il profumo di cose buone oltre che belle quindi da oggi ti seguirò con molto piacere ciao rosa.kreattiva

    RispondiElimina
  13. Sono condannata anch'io!! Toglietemi tutto ma mai la pasta e i dolci... quasi potrei fare a meno del pane ma mai dei dolci:))) Questo primo è favoloso sembra davvero di poterlo assaggiare! Un abbraccio e buonissima serata

    RispondiElimina

Condividi!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...