giovedì 11 ottobre 2012

Le gruyère in carrozza

 
 
La prima volta che ho sentito parlare di Gruyère è stato nel film di Totò "Signori si nasce".
Il Barone Zazà al momento di dettare al maggiordomo cosa avrebbe gradito mangiare per cena, alla voce formaggio (o fommaggio...come diceva per assumere un'aria nobile), sceglieva lo Svizzero, il Gruyère.
La sapeva lunga il Barone, il Gruyère è un formaggio squisito ed ho avuto la possibilità di assaggiarlo grazie al contest promosso da Tery e dal Consorzio Formaggi Svizzeri  tra vari formaggi svizzeri dop che hanno messo a disposizione.
 
 
 
Subito ho pensato di impiegarlo nella preparazione di un classico della mia terra. La mozzarella in carrozza che con pizzelle, calzoncino, palle di riso e paste cresciute rappresentano quello che a Napoli si definiva e si definisce tutt'oggi "cibo da strada". Anticamente venivano preparate nelle friggitorie che erano estrememente spartane e disadorne. Solo un banco e una caldaia di olio caldo dove il fritto veniva preparato al momento per mettere in pratica la famosa regola del "frienno e magnanno" cioè fritto e mangiato subito, caldissimo.
L'autentica, antica, mozzarella in carrozza si prepara con le fette di pane casereccio, giammai con il pane da toast, come si è oggi soliti farlo. Realizzarlo con il pane regala tutt'altro sapore ed emozione. La crosta croccante, la mollica morbida che si fonde con il formaggio posto tra le due fette. Una goduria!
Ma venendo alla ricetta, ho pensato di spodestare per questa volta sua Maestà la Mozzarella per far posto all'amico svizzero Gruyer. Ecco il risultato!
 
 
 
 
Le Gruyère in carrozza
 
12 fette spesse 1 cm di pane casereccio
6 fette da 5/6mm di gruyère
4 uova
100gr farina 00
una ciotola di acqua
sale q.b
4 cucchiai di latte, se necessario
 
preparazione
 
Porre ogni fetta di Gruyère tra due fette di pane. Infarinate i bordi del tramezzino rotolandolo nella farina e poi subito nell'acqua (solo il bordo per 1 cm), questa operazione servirà a sigillare il pane e non far fuoriuscire il formaggio. Porre il tramezzino nell'uovo battuto precedentemente con poco sale ed avvolgerlo ben bene. L'operazione potrà essere veloce se il pane è fresco mentre se le fette di pane sono rafferme aggiungere alle uova 3 o 4 cucchiai di latte e far riposare il tramezzino qualche minuto nel composto. Friggere in abbondante olio e servire subito.

16 commenti:

  1. Ho pranzato abbondantemente, però la vista della Gruyere in carrozza mi ha fatto desiderare di averne una in mano! Come spero prima o poi di fare un giro nelle famose friggitorie!
    Grazie mille per il tuo invitantissimo contributo :)

    RispondiElimina
  2. Io conosco la classica mozzarella in carrozza, ma ritengo che anche con la gruyere il sapore è veramente una delizia. Quanto mi piacciono questi stuzzichini. Buonissimi, ciao.

    RispondiElimina
  3. Al solo guardare le foto ho cominciato a sbavare...

    RispondiElimina
  4. Con te c'è sempre un trucchetto da imparare(...prima farina e poi acqua per sigillare...)!
    E poi questa "Mozzarella 'svizzera' in carrozza" mi mancava proprio.
    Niente mozzarella? no problem!Risolvi con lo 'svizzero'!
    Grazie!

    RispondiElimina
  5. Chiamasi colpo basso. Anzi, nano. :)

    RispondiElimina
  6. quiil "che te possino" è d'obbligo! mi sto sentendo male!!! fameeeeeeeeeeee!

    RispondiElimina
  7. Che meravigliaaaaa!!!!!! :)
    Tornata la fame... ma tantaaaaa!!!! :)
    Un bacio grande e felice serata!!!

    RispondiElimina
  8. belli !! fino ad ora ho sempre fatto la mozzarella in carrozza..... mi piace questa nuova idea

    RispondiElimina
  9. Eccome se hai ragione!!!! :-) Quando mia madre ce la preparava, il pane per tramezzini non si sapeva nemmeno cosa fosse! ;-)
    Sappi che mi avrai sulla coscienza, sto morendo dalla voglia!!! :-D

    RispondiElimina
  10. Oddiooo noooo!!! io non la mangio da una vitaaaa!! e nemmeno posso che sono in stretto regime alimentare pre Salone del Gusto!!!!ma ha un aspetto DIVINOOOOOO!!! complimenti!!!

    RispondiElimina
  11. ottima idea, complimenti e buon w.e.!!

    RispondiElimina
  12. Penso che non abbia niente da invidiare alla classica mozzarella!

    RispondiElimina
  13. Che meraviglia!!! Una vera golosità che ora che le temperature sono scese, si apprezza meglio!!!

    RispondiElimina
  14. ciao e piacere di conoscerti! il tuo blog mi piace molto! ho trovato un sacco di idee carine! e questo gruyere in carrozza è da svenimento!
    buona giornata
    Stefania

    RispondiElimina
  15. ma che, è uno scherzo!!?? cos'è quel pane che fila meravigliosamente?? io salgo in carrozza!

    RispondiElimina

Condividi!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...